Cos’è un attacco di panico? – 1°PARTE


 Un professore dell’università disse ‘Il primo attacco di panico non si scorda mai’, per spiegarci la pregnanza dell’episodio e della stranezza delle sensazioni che pervadono il nostro corpo e la nostra mente in quei pochi minuti.

 

Spesso si usa l’espressione ‘attacco di panico’ in modo approssimativo, ormai il suono del termine è talmente in filodiffusione che se ne abusa. Senza sapere in realtà di cosa si parla e, se, realmente la persona ha provato quell’ insieme di sintomi e sensazioni che fanno parte del fenomeno.

Rimango sempre dell’avviso che in Italia l’usanza di diffondere informazioni su come funziona la nostra testa  rimane sempre carente, quando i programmi televisivi invitano uno psicologo ad intervenire, raramente ci rassicurerà sul fatto che sono molte le persone che ne hanno sperimentato (almeno) uno nella vita, che non è nulla di grave o che con la psicoterapia cognitivo comportamentale si può imparare a controllarlo nel giro di poche sedute. Non spiegano mai il meccanismo dell’attacco di panico, il circolo vizioso che ne è alla base, quali situazioni in cui è più probabile che insorga. 

Nel mio piccolo voglio fare un po’ di psicoeducazione, termine con cui si intende la condivisione di informazioni utili al paziente, affinchè possa avere la piena consapevolezza di cosa gli sta capitando, affinchè possa sentirsi meno in balia di quelle stramberie che ogni tanto imperversano su di noi.

La conoscenza è sempre fonte di luce, la conoscenza è sempre il primo passo per il controllo del problema.

Cominciamo la psicoeducazione sulla definizione, su cosa si sente durante l’attacco di panico.

Un attacco di panico può essere descritto come un periodo di paura e/o disagio intenso che raggiunge il suo culmine nel giro di pochi minuti (dai 2 agli 8 minuti). In alcuni casi la durata è maggiore, dalle due alle tre ore, e possono susseguirsi più attacchi consecutivi. Tipicamente ha un inizio improvviso, ma non incontrollabile o inspiegabile!

 

La varietà di sensazioni che possono essere vissute in quei minuti possono essere racchiuse in questo elenco:

 

1)         palpitazioni, cardiopalmo, o tachicardia

2)         sudorazione

3)         tremori fini o a grandi scosse

4)         dispnea o sensazione di soffocamento

5)         sensazione di asfissia

6)         dolore o fastidio al petto

7)         nausea o disturbi addominali

8)         sensazioni di sbandamento, di instabilità, di testa leggera o di svenimento

9)         derealizzazione (sensazione di irrealtà) o de-personalizzazione (essere    distaccati da sé stessi)

0)       paura di perdere il controllo o di impazzire

11)       paura di morire

12)       parestesie (sensazioni di torpore o di formicolio)

13)       brividi o vampate di calore

 

Nella seconda parte dell’articolo verranno spiegate le condizioni che possono scaturire l’attacco di panico e il meccanismo che sta alla base Clicca qui

 

Dott.ssa Sabrina Franzosi – Psicologo Psicoterapeuta a Bologna e Molinella

 

Disturbi d’ansia

Il Rilassamento Muscolare Progressivo: una tecnica per gestire la tensione del corpo e della mente

La differenza tra le varie figure professionali nell’ambiente ‘psi’ – parte 2

La differenza tra le varie figure professionali nell’ambiente ‘psi’ – parte 1

Perchè scegliere l’approccio cognitivo-comportamentale

 

 



Dott.ssa Sabrina Franzosi Psicologa Psicoterapeuta - Studio Privato in Viale Oriani, n° 39- 40137 Bologna - Tel. 339.3643877 E-Mail: info@sabrinafranzosi.it

CF: FRNSRN83T49D142G | n. di iscrizione albo 6659 sez.A