Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.

Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Disturbo da attacchi di panico

Con il termine attacco di panico si intende un episodio in cui la persona sperimenta un marcato disagio caratterizzato da diversi sintomi fisici e psicologici; generalmente l'esordio è improvviso e l'intensità dei sintomi tende a raggiungere il picco di nell'arco di dieci minuti, per poi scomparire in pochi minuti, lasciando scarsi elementi all'osservazione del medico, tranne la paura del soggetto di avere un altro terrificante attacco di panico. Come accennato prima, durante un attacco di panico l’individuo sperimenta

Sintomi fisici

  • Tremori fini o a grandi scosse alle braccia e alle gambe
  • Dolore o fastidio al petto
  • Sudorazione
  • Sensazione di soffocamento
  • Respiro corto o sensazione di asfissia o iperventilazione
  • Sensazioni di sbandamento, di instabilità, di svenimento
  • Palpitazioni o tachicardia sempre più forte
  • Paura di morire
  • Sensazioni di torpore o di formicolio
  • Paura di impazzire o di perdere il controllo
  • Nausea o disturbi addominali
  • Sensazioni di irrealtà, di stranezza, di distacco dall’ambiente
  • Vampate o brividi
  • forte aumento della pressione sanguigna (ipertensione) o, al contrario, rapido crollo (ipotensione)
  • paura di stare sempre peggio e di non riuscire a riprendersi
  • sensazione di formicolio agli arti e alle mani (parestesia)

 

Sintomi psicologici

  • Terrore
  • Sensazione di morire
  • Sensazione di perdere il controllo
  • Sensazione di impazzire
  • Confusione
  • Sensazione di ovattamento
  • Sensazione di derealizzazione (sensazione di non essere parte della realtà o di essere osservatore esterno del proprio corpo)

 

Nonostante possa sembrare che gli attacchi di panico scaturiscano all'improvviso e senza una causa evidente, generalmente compaiono in seguito a particolare situazioni, di cui spesso non si è consapevoli: a volte nel momento in cui la persona nota una modificazione fisica del tutto normale (es. accelerazione del battito cardiaco, capogiri, sensazione di debolezza fisica ecc.) e si allarma eccessivamente, altre volte nel momento in cui deve affrontare un'esperienza ritenuta minacciosa. Di seguito uno schema che può aiutare a comprendere meglio come si scatena e come si mantiene il circolo vizioso del panico:

 

 

Nel momento in cui l'attacco di panico non rimane un episodio isolato, ma tende a ripetersi, parliamo invece di Disturbo da attacchi di panico.

E' bene recarsi da un professionista nel caso in cui si cominci a soffrire di attacchi di panico, al fine di evitare progressivamente le attività al di fuori della propria casa per paura di esperire un nuovo episodio di panico, andando ad esacerbare nel lungo termine altri disturbi come la depressione e/o l'agorafobia

 

[Per maggiori informazioni riguardo alle modalità di ricevimento o una problematica ben precisa è possibile contattarmi gratuitamente al numero 339 36.43.877; si garantisce la massima riservatezza]

 Dott.ssa Sabrina Franzosi Psicologo Bologna e Molinella

 

Ti può interessare anche :

. Quale trattamento per gli attacchi di panico?

. Cos'è un attacco di panico? 1° PARTE  

. Cos'è un attacco di panico? 2° PARTE

. L'ansia disfunzionale, l'ansia che ci causa malessere

Psicoterapia di Coppia

Psicoterapia Individuale

Dott.ssa Sabrina Franzosi Psicologa Psicoterapeuta - Studio Privato in Viale Oriani, n° 39- 40137 Bologna - Tel. 339.3643877 E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CF: FRNSRN83T49D142G | n. di iscrizione albo 6659 sez.A

Crediti: creativecrew.it