Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.

Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

L'Empatia - un cartone animato.

Sentiamo dire qua e là il termine ‘Empatia’, ma spesse volte non si ha ben compreso di cosa si stia parlando. Tutti lo usano, ma nessuno ci ha mai spiegato esattamente cos’è.

 

Il più delle volte viene utilizzata nel momento in cui stiamo parlando di una persona a cui è successa una cosa spiacevole, brutta, triste e di fronte alla quale raramente possediamo una risposta adeguata [es. un lutto, una separazione, la perdita del lavoro ecc.].  L’empatia, però, entra in gioco anche quando un nostro amico ci sta comunicando la sua gioia per un traguardo raggiunto, per un momento felice della sua vita. L’empatia non è associata solo a momenti negativi e, questa, è la prima cosa su cui è facile fare confusione. Altre volte può essere scambiata con la ‘simpatia’ che proviamo per qualcuno o per la capacità di rispondere in modo sensato alla persona che si sta confidando con noi, in merito ad un brutto periodo, un’emozione di tristezza o di disagio.

Il termine nasconde una complessità malcelata. Se la definizione più nota è ‘mettersi nei panni dell’altro’ – e qui SEMBRA facile – se andiamo più in profondità, l'empatia include diverse capacità:

1)      A livello cognitivo: porre l’attenzione a quello che ci sta dicendo l’Altro e sentirlo ‘nostro’. Dobbiamo riuscire a sentire l’emozione che sta provando l’altra persona -senza confonderla come una nostra emozione!

2)      A livello comportamentale: dimostrare un ascolto attivo e non giudicante, dove per ‘ascolto attivo’ intendiamo un ascolto totale delle parole dell’altro e dare il feedback che abbiamo inteso perfettamente quello che ci sta comunicando.

 

Questo breve cartone animato riassume tutto il concetto in una breve scenetta che termina con una semplice, ma spesso data per scontata, conclusione:

‘La verità è che raramente una risposta può migliorare le cose. Quello che migliora le cose è il legame.’

Smettiamo di avere la necessità di riempire un silenzio imbarazzante [per noi] dando risposte che  sembrano [a noi]intelligenti e positive, impariamo a conferire valore all’emozione dell’Altro, a farla un po’ nostra.

Si può fare anche in silenzio.

 

Psicoterapia di Coppia

Psicoterapia Individuale

Dott.ssa Sabrina Franzosi Psicologa Psicoterapeuta - Studio Privato in Viale Oriani, n° 39- 40137 Bologna - Tel. 339.3643877 E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CF: FRNSRN83T49D142G | n. di iscrizione albo 6659 sez.A

Crediti: creativecrew.it