Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.

Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Cyberbullying: il bullismo [anche] on line

Il male che facciamo non ci attira tante persecuzioni e tanto odio quanto le nostre buone qualità' Francois de la Rouchefoucauld

Dieci anni fa, alla facoltà di psicologia, uno dei primi esami da dare era  ‘psicologia dello sviluppo’ e uno dei primissimi  argomenti trattati era il bullismo. 

Per bullismo si intende un fenomeno in cui un bambino/ragazzo risulta vittima di una serie di azioni offensive messe in atto da uno o più coetanei. Queste possono essere costituite da minacce, offese, percosse o isolamento.

Ma i fenomeni sociali sono un po’ come la tecnologia: quando pensi di avere il computer più alla moda,  ecco che spunta il modello successivo. Se pensi di essere in per essere riuscito a finire di pagare le rate dell’i-phone 4, ecco che domani uscirà l’i-phone 5.

Se pensi di essere ferrato nei fenomeni psico-sociali, ecco che ne spuntano altri. O meglio, spuntano altre sfumature degli stessi. Il che risulta tanto prevedibile quando sorprendente. Prevedibile in quanto ci possiamo e dobbiamo aspettare che le relazioni sociali si evolvano parallelamente e incastonate nelle invenzioni dei nostri tempi.  Sorprendente perché, anche se ce lo aspettiamo, fa comunque impressione.

Ora nelle università si continua a parlare di bullismo, ma comincia a farsi strada anche il cyberbullismo.

Sì, ma cos’è?

Lo cyberbullismo  [ o ‘bullismo on line’] indica atti di bullismo e di molestia effettuati tramite mezzi elettronici come l'e-mail, la messaggistica istantanea, i blog, i telefoni cellulari, i cercapersone e/o i siti web. I dati affermano che, ad oggi, il 34% del bullismo sia on line, anche se non possiamo esserne certi: proprio per la sua natura omertosa, il bullismo rimarrà sempre un fenomeno sondabile fino ad un certo punto.

Sembra che questo fenomeno si articoli in diverse forme, così raccolte:

  • Flaming: messaggi online violenti e volgari, mirati a suscitare battaglie verbali in un forum.
  • Molestie [harassment]: spedizione ripetuta di messaggi insultanti mirati a ferire qualcuno.
  • Denigrazione: sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente e con cattiveria la sua reputazione, via e-mail, messaggistica istantanea, ecc.
  • Sostituzione di persona [impersonation]: farsi passare per un'altra persona per spedire messaggi o pubblicare testi reprensibili.
  • Rivelazioni [exposure]: pubblicare informazioni private e/o imbarazzanti su un'altra persona.
  • Inganno: [trickery]; ottenere la fiducia di qualcuno con l'inganno per poi pubblicare o condividere con altri le informazioni confidate via mezzi elettronici.
  • Esclusione: escludere deliberatamente una persona da un gruppo online per provocare in essa un sentimento di emarginazione.
  • Cyber-persecuzione [cyberstalking]: molestie e denigrazioni ripetute e minacciose mirate a incutere paura.

 

Un’attenzione particolare dovrebbe essere data al cosiddetto sexting [sex+texting]:  neologismo utilizzato per indicare l'invio di immagini sessualmente esplicite o di testi inerenti al sesso attraverso i mezzi informatici. Il sexting, divenuto una vera e propria moda fra i giovani, consiste nello scambio di foto e video a sfondo sessuale, spesso realizzate con il cellulare, o nella pubblicazione tramite via telematica, come chat, social network ecc, oppure nell'invio di semplici MMS. Tali immagini, anche se inviate a una stretta cerchia di persone, spesso si diffondono in modo incontrollabile e possono creare seri problemi alla persona ritratta nei supporti foto e video.

Sembra che il Cyberbullying stia prendendo piede per le ‘agevolazioni’ di cui il carnefice può usufruire:

  • Anonimato del molestatore: in realtà, questo anonimato è illusorio: ogni comunicazione elettronica lascia delle tracce. Però per la vittima è difficile risalire da sola al molestatore.
  • Difficile reperibilità: se il cyberbullismo avviene via mail o tramite un forum online privato, ad esempio, è più difficile reperirlo e rimediarvi.
  • Indebolimento delle remore etiche: le due caratteristiche precedenti, abbinate con la possibilità di essere "un'altra persona" online (vedi i giochi di ruolo), possono indebolire le remore etiche: spesso la gente fa e dice online cose che non farebbe o direbbe nella vita reale.
  • Assenza di limiti spaziotemporali: mentre il bullismo tradizionale avviene di solito in luoghi e momenti specifici (ad esempio in contesto scolastico), il cyberbullismo investe la vittima ogni volta che si collega al mezzo elettronico utilizzato dal cyberbullo.

 

Per maggiori informazioni:

http://www.bullismo.com/index.php?Itemid=35&id=16&option=com_content&task=view 

http://www.bullyingandcyber.net/it/

 

Dott.ssa Psicologa Sabrina Franzosi - Psicologo Bologna

Psicoterapia di Coppia

Psicoterapia Individuale

Dott.ssa Sabrina Franzosi Psicologa Psicoterapeuta - Studio Privato in Viale Oriani, n° 39- 40137 Bologna - Tel. 339.3643877 E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CF: FRNSRN83T49D142G | n. di iscrizione albo 6659 sez.A

Crediti: creativecrew.it