Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.

Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Mindfulness.

Otto settimane, 56 giorni alla felicità. È quanto promette il Metodo Mindfulness ed evidentemente mantiene: è clinicamente provato infatti che la terapia cognitiva basata su questo metodo dimezza il rischio di depressione in chi ne ha sofferto nelle forme più gravi.

 

Mark Williams è pioniere in questo tipo di ricerca e per più di 30 anni con l’Università di Oxford e altri istituti accademici in tutto il mondo ha studiato ansia, stress e depressione. Intanto, per capirci. Il metodo Mindfulness altro non è che la pratica della consapevolezza: piccole azioni quotidiane e brevi meditazioni giornaliere che spingono a rompere alcune abitudini di pensiero e di comportamento che ti impediscono di vivere la vita in tutta la sua interezza.

Piccole pratiche quotidiane: cinque minuti al giorno solo per te stesso, facendo conto ad esempio di essere un assaggiatore di cioccolato o anche solo di uvetta: cinque minuti per concentrarsi ed essere consapevole del momento che stai vivendo. Per reimparare a portare attenzione alle attività quotidiane, in modo da cogliere la vita così com’è, nel suo dispiegarsi attimo dopo attimo. E poi meditazione. Jon Kabat Zinn - che ha studiato questa pratica (che risale all’insegnamento del Buddha) e l’ha portata in un contesto laico e terapeutico – dice: “è l’occasione della vita, l’opportunità di rivendicare la propria esistenza, di farci amicizia e di viverla più pienamente attimo dopo attimo”.

Mark Williams con Danny Penman in “Il Metodo Mindfulness, 56 giorni alla felicità” (Mondadori) spiega il meccanismo inconscio per cui è difficilissimo fermare i pensieri autoaggressivi: “sentirsi un po’ giù ogni tanto è normale ma a volte la tristezza può finire per innescare una cascata di ricordi spiacevoli, emozioni negative e giudizi severi”. Così se questo innesco di ricordi infelici, pensieri autocritici e modalità giudicanti non si può fermare, si può fermare, di contro, quello che succede dopo.

Si può fermare quindi la cascata di emozioni distruttive. Perché quando si comincia a sentirsi un po’ tristi, ansiosi o irritati, a fare danno non è l’umore in sé ma il modo in cui si reagisce. Con la meditazione e la pratica del metodo Mindfulness, si impara a riconoscere i ricordi e i pensieri dannosi nel momento in cui insorgono, ci si abitua a osservarli quando emergono, a lasciarli lì per un po’ e poi semplicemente guardarli mentre evaporano davanti agli occhi.

Facile intuire gli effetti e l’influenza potente sulla salute, sul benessere e sulla felicità delle persone. Vale la pena, prima di vedere in dettagli il metodo, sfatare alcuni miti. La meditazione non è una religione, è un metodo di allenamento mentale che si può fare ovunque (non è necessario sedersi a gambe incrociate sul pavimento) e che non ti porterà con l’inganno ad adottare una visione ciecamente ottimista. Solo aiuterà ad affrontare meglio le difficoltà, migliorando la qualità della vita, delle relazioni con gli altri e con il mondo circostante.
In gallery le 8 settimane del programma consapevolezza. E non temete: la vita quotidiana, anche se frenetica, offre infinite opportunità per fermarsi, concentrarsi, ricordarsi di essere pienamente svegli e presenti a ciò che sta accadendo proprio in questo momento.

 

Articolo tratto da www.huffingtonpost.it

Psicoterapia di Coppia

Psicoterapia Individuale

Dott.ssa Sabrina Franzosi Psicologa Psicoterapeuta - Studio Privato in Viale Oriani, n° 39- 40137 Bologna - Tel. 339.3643877 E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CF: FRNSRN83T49D142G | n. di iscrizione albo 6659 sez.A

Crediti: creativecrew.it