Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.

Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Attacchi di panico: quale trattamento?

L'aria che manca, la mani insensibili e tremolanti, il cuore che corre e sembra voler uscire dal petto, la testa che gira e una certezza: questa è la morte. In Italia circa il 10% delle persone ha provato almeno una volta nella vita questa sensazione: non è la morte, è un attacco di panico. Una bugia della mente, come ripete spesso Rosario Sorrentino, neurologo tra i massimi esperti in materia, autore tra l'altro del best seller 'Panico!'.

Sarà una bugia finché si vuole, ma la credibilità dei disturbi neurovegetativi che colgono 'l'impanicato' è talmente spaventosa da riuscire, nell'1% dei casi, a condizionarne irrimediabilmente la vita.

E' importante, infatti, distinguere tra chi ha un attacco di panico isolato e chi sviluppa una vera e propria sindrome e, di conseguenza, mette in atto tutta quella serie di strategie di evitamento che, nel giro di qualche mese, portano 'l'impanicato' a chiudersi in casa rinunciando così alle attività quotidiane, quelle stesse che fino al giorno X, aveva sempre condotto senza problemi.

Laura Bellodi afferma "Chi soffre di attacchi di panico, vive in una sorta di recinto, di gabbia esistenziale, spesso umiliato e non creduto da un contesto sociale e culturale che etichetta queste persone come malati immaginari cioè che inventano i loro disturbi. Ed è un peccato, perché oggi sappiamo che con una corretta terapia farmacologica affiancata da una psicoterapia breve di tipo cognitivo-comportamentale e da una moderata attività fisica, queste persone possono abbandonare per sempre il loro recinto".

[Fonte: www.ilsole24ore.com]

 

Dott.ssa Sabrina Franzosi Psicologo Bologna

 

Ti può interessare anche:

. Cos'è un attacco di panico? 1° PARTE

. Cos'è un attacco di panico? 2° PARTE

. Disturbi d'ansia

. Il Rilassamento Muscolare Progressivo

. Perchè scegliere l'approccio cognitivo-comportamentale

. Il Disturbo da Attacchi di Panico

Psicoterapia di Coppia

Psicoterapia Individuale

Dott.ssa Sabrina Franzosi Psicologa Psicoterapeuta - Studio Privato in Viale Oriani, n° 39- 40137 Bologna - Tel. 339.3643877 E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CF: FRNSRN83T49D142G | n. di iscrizione albo 6659 sez.A

Crediti: creativecrew.it